| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Finally, you can manage your Google Docs, uploads, and email attachments (plus Dropbox and Slack files) in one convenient place. Claim a free account, and in less than 2 minutes, Dokkio (from the makers of PBworks) can automatically organize your content for you.

View
 

Agenda-meeting-2011-11-28

Page history last edited by Raoul Buzziol 9 years ago

Agenda

 

Possiamo applicare i metodi agili al lavoro di un comitato di lotta? (Se ci riusciamo lo andiamo a raccontare allo IAD l'anno prossimo ;-) )

 

Lunedì Andrea Rodriguez è venuto alla riunione del comitato acqua è ci ha fatto una rapidissima introduzione ai metodi agili, incuriosendoci e suscitando un po' di sospetti. Condivido alcune esigenze, per capire quali metodologie eventualmente adottare.

 

Scopo e attività

 

I comitati per l'acqua esistono per uno scopo: la gestione pubblica e partecipativa dell'acqua.

Abbiamo un'altra grande campagna che sta per partire, e per la quale dovremo raggiungere più persone possibile. Il lavoro può essere suddiviso secondo molti criteri, per cui il concetto di "storia" potrebbe essere applicabile. Ci sono alcuni indicatori di performance abbastanza immediati da misurare.

A fianco della campagna abbiamo in ballo alcune vertenze con IREN e con le PA locali, e altre ne vorremmo aprire. Possiamo pensare a queste altre attività come altre "commesse", suddivisibili a loro volta in "storie".

 

 

Compiti

Alcuni sono legati alla campagna in corso (es. distribuire i volantini in quella tale piazza) e altri sono sempre validi (scrivere la newsletter). Un'altra divisione riguarda il tempo: alcuni compiti sono urgenti (a volte quasi real-time, es. preparare un comunicato stampa, magari in risposta a qualcuno), per altri c'è u più tempo (es. far stampare dei manifesti).

 

Modalità

Per nostra natura è essenziale prendere le decisioni in maniera orizzontale, condividere le informazioni, stabilire insieme le priorità ma:

  • ci sono alcune commissioni che si occupano di problemi specifici. Sono formate da un nucleo base di persone ma sono aperte alla partecipazione degli interessati
  • i dettagli organizzativi non li decidiamo tutti in assemblea ma li demandiamo alle persone che si prendono in carico di svolgere un compito.

 

Problemi

riusciamo a dedicare solo poche ore alla settimana al comitato, a parte qualche pensionato che comunque non riesce ad impegnarcisi a tempo pieno organizzare le attività è la nostra più grande difficoltà:

  • siamo in pochi, mentre quando i ruoli concreti sono chiari (es. volantinare) siamo in grado di mobilitare molte persone abbiamo difficoltà a coordinarci e ad avere presente lo stato delle cos
  •     capita che ci siano persone che ci danno la loro disponibilità ma, per incapacità nostra, non riusciamo a coinvolgerle

 

Strumenti

Usiamo una mailing list e ci scriviamo più volte al giorno. Stiamo per aprire un wiki e, sporadicamente, adottiamo qualche altro strumento (doodle, google docs). Penso che non ci siano preconcetti ad adottarne di nuovi, ma potrebbero esserci un po' di resistenze culturali (o dovute all'imbranataggine).

 

Time/Date/Location: 

  • 28/11/2011
  • Via San Luca 15/7, presso la sede di ATTAC

 

 

 

 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.